Musei in Italia rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE



L'Italia per: ANTIQUARIATO - CASE d'ASTA - MUSEI - MOSTRE - TEATRI - SITI ASTRONOMICI

 

Correrenelverdeonline

Musei ] [ Museo ] Musei Italia ] Musei Abruzzo ] Musei Basilicata ] Musei Calabria ] Musei Campania ] Musei Emilia Romagna ] Musei Friuli Venezia Giulia ] Musei Lazio ] Musei Liguria ] Musei Lombardia ] Musei Marche ] Musei Molise ] Musei Piemonte ] Musei Puglia ] Musei Roma ] Musei Sardegna ] Musei Sicilia ] Musei Toscana ] Musei Trentino Alto Adige ] Musei Umbria ] Musei Valle d'Aosta ] Musei Veneto ] inserisci il tuo museo ]

 

MUSEI ITALIANI


 

 

Il museo

In Italia ci sono diverse gestioni dell’istituzione museale, il museo statale e i musei gestiti dagli enti locali e infine i musei privati e fondazioni. Ma questi diversi tipi di istituti non sono regolati da norme specifiche. Dopo la sommaria normativa del 1902 e la normativa del 1960 la legge 1080, la regolamentazione più recente si è avuta con il decreto legislativo 490/1999, con la determinazione di una precisa normativa sull'uso e sulla valorizzazione dell'ambiente, con precisi riferimenti  al territorio, all'edilizia, valore catastali ecc. Si riporta testualmente l'art. 99 che determina con precisione, denominazione e destinazione d'uso dei siti di interesse artistico e archeologico, e regolamentazione degli stessi Istituti.

"1. L'apertura al pubblico dei musei, dei monumenti, delle aree e dei parchi archeologici statali, degli archivi di Stato e delle biblioteche pubbliche statali è disposta e regolamentata dal Ministero.

 2. Ai fini del comma 1 si interde per:

 a) museo: struttura comunque denominata organizzata per la conservazione, la valorizzazione e la fruizione pubblica di raccolte di beni culturali;

 b) area archeologica: sito in cui insistono i resti di un insieme edilizio originariamente concluso per funzione e destinazione d'uso complessiva;

 c) parco archeologico: ambito territoriale caratterizzato da importanti evidenze archeologiche e dalla compresenza di valori storici, paesaggistici o ambientali, attrezzato come museo all'aperto in modo da facilitarne la lettura attraverso itinerari ragionati e sussidi didattici."

Con questa legge si è cercato di dare un preciso assetto giuridico al patrimonio artistico in esame, ma questa regolamentazione riguarda solo le raccolte statali. Per quanto riguarda gli altri tipi di musei, si sta cercando di dare una regolamentazione più organica ma comunque si tende ad aderire al codice deontologico stabilito dal regolamento di istituzione del museo che d’altro canto è uno dei requisiti minimi che richiede l’ICOM (International Council of Museums) organizzazione internazionale che preserva il valore culturale in tutti i paesi del mondo. Il centro d’informazione e la segreteria di questo organismo ha sede a Parigi presso l’UNESCO. In Italia ha sede a Milano ed ha come fine precipuo quello di sostenere e sviluppare l’istituzione e la gestione dei musei.

In Italia l’istituzione del museo non si può di certo definire tipizzato e neanche le piccole istituzioni hanno una specificità più spiccata.

Comunque i musei statali, almeno come istituzione, hanno come riferimento il citato decreto legislativo 490/1999; gli altri musei di competenza degli enti locali prendono di norma il modello del museo statale, hanno un preciso regolamento istitutivo che ne regola il funzionamento, gestione, personale e bilancio, seguendo le norme del codice civile che regola in materia di associazioni, fondazioni e istituzioni, dotandosi così di uno stato giuridico anche svincolandosi dalla materia pubblica e privata. Sempre tenendo presente il codice deontologico dove la figura specifica del museo deve tener presente le sue funzioni primarie e i suoi compiti, come quelli dell’acquisizione, incremento della collezione, inventariazione, catalogazione, ordinamento, documentazione restauro, e soprattutto la fruizione della collezione al pubblico.

L’istituzione si deve dotare di un ordinamento interno; le funzione e la responsabilità penale e le sue risorse finanziarie, funzione finalità e soprattutto gestione e cura delle collezioni d’arte sono i principi primari dell’istituto.

I regolamenti dei musei sono alla base della costituzione e funzione del museo e l’adozione di uno statuto è obbligo nei casi in cui i musei si configurano come enti, dotati di personalità giuridica. Comunque la figura giuridica di museo deve corrispondere a un modello definito dall’UNESCO, e nonostante la situazione legislativa italiana si è tenuti ad osservare i requisiti minimi dettati. Si riporta testualmente la definizione del museo dell’ICOM:

"Il museo è un istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. E’aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell’umanità e del suo ambiente; le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone ai fini si studio, educazione e diletto."

La situazione culturale italiana è di certo la più qualificata per la formazione dei professionisti del settore.

 

 

160x600_promo