Cinema: Casting, recitazione, attori e attrici, case di produzione, registi rubrica di CORRERENELVERDEONLINE

Generi Cos'è il Genere Azione Commedia Drammatico Fantascienza Fantasy Giallo Horror Thriller Western

Cinema Film & Recensioni Registi Attori Attrici Festival Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline

Cinema
Settima Arte
Bollywood
Hollywood
Hong Kong
Recensioni
Cortometraggio
Storia del Cinema
Storia del Cinema II
Konstantin Stanislavskij
Lee Strasberg
Pappagone
Il Principe della risata
Cinema e Psiche
Cinema e Psiche II
Link Utili

Actor's Studio
Attore
Casting
Costumi
Direttore di doppiaggio
Distribuzione
Doppiaggio
Storia del doppiaggio
Tecnica del doppiaggio
Moviola
Luci
Metodo Stanislavskij
Produzione Tecnica
Regia
Regia cinematografica
Sceneggiatura
Storyboard
Suono

 



SCENOGRAFIA

La sua derivazione etimologica è greca: skènographìa, da skènè = scena e graphìa = grafia. Con questo termine si indica la tecnica di realizzare degli scenari idonei a rappresentare il luogo in cui si svolge l’azione di uno spettacolo. Il regista si avvale per la progettazione dei bozzetti e modellini del film, per l’arredamento degli interni di un architetto-scenografo.

Le origini della parola “scena” risalgono alla nascita del teatro: Aristotele nella sua Poetica (VI e XXVI) definisce infatti l’apparato scenico uno dei sei elementi costitutivi della tragedia, poiché capace di agire sull’animo degli spettatori e di coinvolgerli negli avvenimenti tramite un contesto fisico. Il primo a far uso di uno scenario dipinto fu Sofocle nel 465 a.C., mentre in precedenza esso era rappresentata fisicamente da un edificio rettangolare a corridoio, adibito anche a spogliatoio per gli attori.

L’art-director (C. Gibbons ) assume una posizione molto importante per quanto riguarda la direzione artistica dell’allestimento scenico, a meno che il film non disponga di un ambiente naturale invece che di uno "costruito".

L’importanza della scenografia è dovuta al fatto che non è solo “un involucro” che fa da contorno alla storia, ma fa parte della vicenda che si narra. Ai primordi del cinema ci si era affidati soprattutto a fondali dipinti (Mèliès) o sulle orme delle esperienze teatrali ci si era avvalsi della cartapesta. Ma in qualche occasione, per esempio in Griffith e nelle pellicole d’appendice francesi (nelle scene girate in città e in campagna), balenò l’intuizione di prospettive naturalistiche. Il genere musical diede a sua volta qualche slancio scenografico e in seguito nuove suggestioni sono derivate dal filone della fantascienza.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo