Correrenelverdeonline | Ambiente e Natura | Antiquariato | Architettura | Arte | Artisti | Aste | Astronomia | Biblioteche | Cinema | Cultura | Economia | Film | Fotografia | Giardinaggio | Libri | Mostre | Musei | Musica | Oroscopo | Papato | Parchi | Salute | Sport | Storia dell'Arte | Teatro | Programmi TV | Previsioni Meteo | Redazione | NEWS |

 

 

Visita i luoghi della cultura e del benessere italiano: Abruzzo | Basilicata | Calabria | Campania | Emilia Romagna | Friuli Venezia Giulia | Lazio | Liguria | Lombardia | Marche | Molise | Piemonte | Puglia | Sardegna | Sicilia | Toscana | Trentino Alto Adige | Umbria | Valle d'Aosta | Veneto | Città del Vaticano | San Marino |

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

160x600_promo

Generici Image Banner 160 x 600


 

 

VALLE D’AOSTA - Vallée d’Aoste

Link Tematici: Scacchi - Terme - Teatri - Musei - Abbazie - Mostre - Antiquariato - Agriturismi - Campeggi - Maneggi - Atletica - Canottaggio - Tavola - Vini

La Valle d’Aosta, Vallée d’Aoste in francese, è una regione dell’Italia nord-occidentale; insieme al Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia e Trentino Alto Adige - Südtirol la Valle d'Aosta è una regione a statuto speciale. Qui una larga parte della popolazione continua ancora a parlare l’arpitano, una lingua galloromanza diffusa anche in Francia e Svizzera francese. Questa regione confina con Francia, Svizzera e Piemonte.

Abitata anticamente dalla popolazione dei Salassi, a partire dal I secolo a.C. la regione fu conquistata dai Romani che qui fondarono la città di Augusta Praetoria Salassorum, l’attuale Aosta.

L’importanza strategica della regione ha per lunghi secoli visto scontrarsi diverse popolazioni, interessate al controllo dei valichi alpini verso la Francia e la Svizzera.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, Federico Chabod diventa il primo presidente della Valle d’Aosta, riconosciuta come regione autonoma dalla repubblica Italiana nel 1948.

Oggi la regione vanta uno dei redditi pro capite più elevati d’Italia, grazie all’ottimo sviluppo dei comparti industriale, turistico ed agroalimentare. Dappertutto la natura si distende lungo le vallate ed i monti con incredibile forza, in un ambiente che accoglie specie animali ormai rare e piante d’antica bellezza. Qui miti e leggende si nascondono nel silenzio delle vallate. Castelli medievali e monasteri custodiscono gelosamente le memorie di antichi saperi. Su tutto, le grandi montagne dominano da secoli un ambiente di incomparabile bellezza.

Come arrivare: la regione è facilmente accessibili grazie ad una rete stradale ben strutturata. La Valle d’Aosta è raggiungibile dall’Italia attraverso l’autostrada A5 o con la SS 26; è collegata con la Svizzera dal Colle del Gran San Bernardo, il traforo del Gran San Bernardo e la SS 27.

Capoluogo: Aosta

Città principali:

Sain-Vincent, Châtillon, Sarre, Pont-Saint-Martin.

Ambiente e territorio: la Valle d’Aosta presenta un territorio del tutto montuoso; le Alpi Graie si innalzano a nord-ovest con il Massiccio del Monte Bianco e quello del Gran Paradiso; il Massiccio del Monte Rosa ed il Cervino segnano il confine con la Svizzera.

La regione è divisa in otto comunità montane: Comunità Montana Valdigne Mont Blanc, Comunità Montana Grand Paradis, Comunità Montana Grand Combin, Comunità Montana Mont Emilius, Comunità Montana Monte Cervino, Comunità Montana Evançon, Comunità Montana Monte Rosa, Comunità Montana Walser Alta Valle del Lys.

Monti principali: Monte Bianco, monte Cervino, Monte Rosa, Gran Paradiso.

Fiumi e laghi: Dora Baltea, Buthier, Lago di Beauregard, Lago di Place-Moulin.

Clima: alpino, con estati fresche e rigidi inverni.

Da vedere: resti della via consolare delle Gallie (tratto tra Donnas e Bard), ponte acquedotto di Pondel, Arco D’Augusto (Aosta), Cattedrale d’Aosta, villa romana della Consolata (Aosta), Croce di Calvino (Aosta), piazza Emilio Chanoux (Aosta), forte di Bard, caste Savoia (Gressoney-Saint-Jean), Sarriod de la Tour (Saint-Pierre), Castello di Ussel, Castello di Issogne, miniere di Cogne, area mineraria di Saint-Marcel.

Parchi e riserve naturali: Parco nazionale del Gran Paradiso, Parco naturale del Mont Avic, Riserva Naturale Côte de Gargantua (Gressan), Castel Savoia (Gressoney-Saint-Jean).

Prodotti tipici: Fontina, burro di panna, Fromadzo, Valleé d’Aoste Lard d’Arnad, boudin (salame), Jambon alla brace di Saint-Oyen (prosciutto), mela Renetta, Blanc de Morgex et de La Salle (vino bianco DOC), Torrette (vino rosso DOC), Chambave Muscat (moscato bianco DOC), pan ner, grappa.

Piatti tipici: seupa à la vapelenentse (zuppa alla valtellinese, a base di pane, fontina e verza), polenta concia (a base di polenta e fontina), civet di camoscio, tegole valdostane (dolci a base di mandorle e nocciole).

Appuntamenti: fiera di Sant’Orso (30 e 31 gennaio, Aosta), féhta dou lar d'Arnad (sagra del lardo di Arnard, fine agosto), festa delle mele di Antey e Gressan (Antey-Saint-André e Gressan, ottobre), Marché au Fort (salone enogastronomico che si svolge a Bard nel mese di ottobre), désarpa (transumanza dei bovini, 29 settembre), Bataille de Reines (combattimenti tra mucche, la finale si svolge ad Aosta nel mese di ottobre), Carnevale di Verrès, processione di di San Rocco (da Gignod  e da Excenex sino a Punta Chaligne, 16 agosto), festa delle Guide Alpine (15 agosto, in diversi paesi), Veillà di Etroubles (Etroubles, agosto).

Torna alla cartina generale delle regioni Italiane

 

 

 

 

 

 

Motore di ricerca

Google
 

web

questo sito