MUSICA E MUSICISTI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE




Musica Musicisti Teatro Cinema Film & Recensioni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline

Introduzione
musica
Agenzie ed eventi
appuntamenti
classifiche inghilterra
classifiche italia
classifiche usa
itunes
news musicali

[Musicisti, Gruppi, Cantanti]
[Cultura Celtica]
[New Age]
[Disk Jockey]
[Giganti della Musica]
[Corodia]
[Tecnica di canto]
[Un'ala di riserva]
[La Puglia Suona Bene]
[Notte della Taranta]
[Il Barbiere di Siviglia]

 

MUSICA: cantanti, musicisti, compositori, gruppi, classifiche, agenzie, concerti, notizie

MUSICA


 

 

Vincenzo BELLINI

Vincenzo Bellini nacque a Catania nel 1801,e fu un grande musicista lirico, però nella sua esistenza gli fece difetto la fortezza d’animo, la capacità di sopportare le critiche. Questa sua mancanza ha consentito al suo pubblico di vedere una crescita ed un miglioramento nello stile del Bellini durante i trentatre anni della sua esistenza. Morì infatti a Parigi nel 1835.

La prima opera rappresentata dal Bellini fu a Napoli, nel 1826, la rappresentazione porta il titolo di “Bianca e Gernando”. Forte di questo successo si trasferì a Milano dove rappresentò con un buon successo opere come “il pirata” e “la straniera” rispettivamente del 1827e del 1829.

Negli anni successivi, Bellini viaggiò tra Parma, Milano e Venezia, raccogliendo alcuni insuccessi e alcuni riconoscimenti per buone opere. Questi risultati altalenanti convissero l’artista ad andare a Parigi per imparare cose nuove e  migliorare la sua arte. I frutti di questo lavoro si videro nell’opera “i puritani”, dove la ricchezza di musicalità dell’opera e il raggiungimento di un lirismo molto alto, posero le basi per un nuovo stile per le opere melodrammatiche, che sarà successivamente sviluppato da Giuseppe Verdi, quasi a divenire il cavallo di battaglia dell’artista milanese.

Bellini, purtroppo, non poté migliorare ancora il suo stile dopo quest’opera, perche nello stesso anno in cui i ”puritani” vide la luce, ovverosia il 1835, l’artista siculo morì. Nel periodo in cui in Italia circolava la lira, Vincenzo Bellini ebbe l’onore di essere posto sulla banconota da cinquemila lire.

 

Opere liriche:

Bianca e Gernando (30 maggio 1826, Teatro San Carlo, Napoli)

Bianca e Fernando (7 aprile 1828, Teatro Carlo Felice, Genova) (rivisitata)

Il pirata (27 ottobre 1827, Teatro alla Scala, Milano)

La straniera (14 febbraio 1829, Teatro alla Scala, Milano)

Zaira (16 maggio 1829, Teatro Ducale, Parma)

I Capuleti e i Montecchi (11 marzo 1830, Teatro La Fenice, Venezia)

La sonnambula (6 marzo 1831, Teatro Carcano, Milano)

Norma (26 dicembre 1831, Teatro alla Scala, Milano)

Beatrice di Tenda (16 marzo 1833, Teatro La Fenice, Venezia)

I puritani (24 gennaio 1835, Théâtre Italien, Parigi)

 

 

160x600_promo