MUSICA E MUSICISTI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE




Musica Musicisti Teatro Cinema Film & Recensioni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline

Introduzione
musica
Agenzie ed eventi
appuntamenti
classifiche inghilterra
classifiche italia
classifiche usa
itunes
news musicali

[Musicisti, Gruppi, Cantanti]
[Cultura Celtica]
[New Age]
[Disk Jockey]
[Giganti della Musica]
[Corodia]
[Tecnica di canto]
[Un'ala di riserva]
[La Puglia Suona Bene]
[Notte della Taranta]
[Il Barbiere di Siviglia]

 

MUSICA: cantanti, musicisti, compositori, gruppi, classifiche, agenzie, concerti, notizie

MUSICA


 

 

THE BEATLES

I Beatles è un complesso inglese di musica leggera costituito da Paul Mc Cartney (Liverpool 1942), George Harrison ( Liverpool 1943, Los Angeles 2001), John Lennon (Liverpool 1940, New York 1980) e Ringo Starr ( Nome d’arte di Richard Starkey, nato a Liverpool nel 1940).

Il gruppo, nato nel 1957 nell’ambiente scolastico giovanile di Liverpool,con il nome di Quarrymen, lavorò con questo nominativo fino al 1962, anno in cui, con il nome di “The Beatles”, iniziò una fortunatissima carriera mondiale. Dobbiamo però dire che gli inizi non furono così propizi, il gruppo, scartato dalla casa di produzione Decca (che successivamente ingaggerà gli alter ego “cattivi” dei quattro di Liverpool cioè i Rolling Stones),venne poi ingaggiato dall’Emi che, seppur con qualche titubanza iniziale, effettuò un affare che si rivelerà di enormi dimensioni.

Il primo singolo dei Beatles, datato 1962, fu “love me do”. Per il primo album non occorrerà aspettare troppo, infatti, nel 1963, vede la luce “Please plese me”.Il successo è enorme. In poco tempo si espande la cosiddetta “beatlemania”, un vero e proprio virus collettivo che colpisce milioni di giovani,e che porterà l’eclettica band ad ottenere una tra le onorificenze più ambite del Regno Unito, il MBE (Member of Britannic Empire), ovverosia la nomina per i quattro artisti di baronetti dell’Impero Britannico. L’ascesa del complesso continuò inarrestabile,nel 1963 erano già in testa alle classifiche americane, nel 1965 iniziò un tour mondiale che fece tappa in Giappone, Australia, Nord America ed Europa.

In Italia ebbero sei concerti, due rispettivamente a Milano, Genova e Roma. Nello stesso anno, il 1965, uscì anche uno dei loro brani leggendari, Yesterday. La grandezza di questa band sta nella capacità dei propri componenti di interpretare vari stili musicali rielaborandoli in base alla loro sensibilità. Così, lo stile esecutivo, derivato dapprima dal rock, andò via via evolvendosi fino ad esprimere nella maniera più completa la tendenza Beat, superata poi dagli stessi Beatles in tendenze più audaci ed avanguardiste, aprendo la strada a molti nuovi artisti. Esemplificativo in questo senso l’album del 1968, “The Beatles” meglio conosciuto come “White  Album”, un doppio Lp in cui diverse tendenze convivono e trovano la loro sintesi nei brani della band britannica.

Ci troviamo di fronte ad una delle ultime opere di questo gruppo, infatti il grande eclettismo di questo complesso deriva dalla bravura e dalla sensibilità dei suoi componenti. Bravura e convinzione dei propri mezzi che porteranno il gruppo in una crisi irreversibile. Finché la volontà di stare insieme permette la fusione delle varie inclinazioni artistiche dei quattro musicisti, il gruppo va, quando i pensieri iniziano ad essere troppo divergenti,arriva inesorabile la rottura. Nell’estate 1969 i Beatles incisero il loro ultimo disco, Abbey Road. Nella realtà però l’ultimo Lp uscito prima dello scioglimento del Gruppo è stato Let it be. L’arcano è presto svelato: la registrazione avvenne nel 1969, in agosto, prima quindi di Abbey Road, ma venne pubblicato nel 1970. Questa è una delle tante bizzarrie che hanno contraddistinto la band.

Nell’Aprile del 1970 Paul Mc Cartney, insieme all’uscita del suo primo album da solista, sancì anche la fine del gruppo. 

L’ultimo album inciso dai Beatles in formazione completa fu nel 1969, ma nel 1994, Paul Mc Cartney, George Harrison e Ringo Starr si riunirono per registrare alcune tracce abbozzate negli anni ’60 e rimaste inedite. Sfortunatamente non potè essere presente John Lennon, in quanto rimasto ucciso da Mark Chapman, un fan dei Beatles, nel 1980. In  pieno clima di revival, collaborò con loro Julian Lennon, Il figlio di John. Con questa formazione particolare  uscirono Free As A Bird e Real Love. Questi due brani entrarono nelle canzoni incluse nella serie di CD Anthology . Ciò permise ai tre di vincere tre Grammy Awards e di far conoscere a nuove generazioni di fan la loro musica, dimostrandosi davvero come una band immortale.

I Beatles hanno interpretato anche tre film: A Hard day’s night del 1964, Help! del 1965, Magical mistery tour del 1967. Al loro attivo gli istrionici artisti di Liverpool hanno anche un lungometraggio a cartoni animati del titolo Yellow Submarine, opera datata 1968.Quest’ultima opera può essere un chiaro esempio della Beatlemania, infatti il lungometraggio prende ispirazione da una serie televisiva di cartoni animata sui quattro baronetti di Liverpool. Tutte le opere cinematografiche hanno come protagonisti i quattro della band, dimostrando quindi bravura anche come attori.

Insieme alle canzoni, un’altra particolarità che lega oggi milioni di fans ai Beatles, ossia a quasi quanta anni dallo scioglimento del gruppo, è sicuramente il gusto per lo scherzo, per gli arzigogoli che potessero far arrovellare le menti di coloro che seguivano il gruppo.

Possiamo partire, per esemplificare il concetto sopra espresso dal nome del gruppo, Beatles, che significa scarafaggi, ma che si ricollega anche alla musica Beat, il genere suonato inizialmente dalla band, per proseguire poi con la teoria della morte improvvisa di Paul Mc Cartney e la sua sostituzione con un sosia. Per alcuni appassionati è un caso ancora aperto, ispirandosi a delle tracce che il gruppo avrebbe lasciato sulle copertine degli Lp e sui testi delle canzoni. Questa teoria nel corso degli anni non ha mai trovato una prova, ma sembra obiettivamente difficile che si sia riuscito a trovare un sosia di Paul Mc Cartney mancino come lui, bravissimo a suonare, cantare e a scrivere testi delle canzoni come aveva dimostrato di saper fare l’originale. Risulta più plausibile l’ipotesi che la band, conoscendo questa “leggenda metropolitana”, si sia divertita un po’ ad alimentare il fuoco della polemica

Discografia ufficiale :

  • With The Beatles (Emi/Parlophone 1963)

  • Please Please Me (Emi/Parlophone 1963)

  • The Beatles First (Emi/Parlophone 1964)

  • A Hard Day's Night (Emi/Parlophone 1964)

  • The Beatles With Tony Sheridan & Their Guests (Emi/Parlophone 1964)

  • Beatles For Sale (Emi/Parlophone 1964)

  • Help! (Emi/Parlophone 1965)

  • The Beatles In Italy (Emi/Parlophone 1965)

  • Rubber Soul (Emi/Parlophone 1965)

  • Revolver (Emi/Parlophone 1966)

  • Sgt. Pepper's Lonely Heart's Club Band(Emi/Parlophone 1967)

  • Magical Mystery Tour (Emi/Parlophone 1967)

  • The Beatles (The White Album) (Emi/Parlophone 1968)

  • Yellow Submarine (Emi/Parlophone 1968)

  • Abbey Road (Emi/Parlophone 1969)

  • Let It Be (Emi/Parlophone 1970)

  • The Beatles 1963-'66 (Emi/Parlophone 1973)

  • The Beatles 1967-'70 (Emi/Parlophone 1973)

  • Live At The Hollywood Bowl (Emi/Parlophone 1977)

  • The Beatles Live! At The Star Club, Hamburg, Germany, 1962 (Emi/Parlophone 1977)

  • Rarities (Emi/Parlophone 1979)

  • The Decca Sessions (Capitol 1987)

  • Live At The Bbc (Capitol 1994)

  • 1 (Capitol 2000) ant.

  • Let It Be... Naked (Capitol 2003)

  • Love (Capitol 2006)

 

 

 

 

 

160x600_promo