FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

Alice nel paese delle meraviglie

Titolo originale: Alice in wonderland

Paese: Stati Uniti

Anno: 1951

Genere: musicale, fantastico, commedia

Regia: Clyde Geronimi, Wilfred Jackson, Hamilton Luske

Soggetto: Lewis Carroll

Sceneggiatura: Aldous Huxley

Produzione: Disney

Montaggio: Lloyd L. Richardson

Musiche: Mack David, Gene De Paul, Sammy Fain, Winston Hibler, Bob Hilliard, Al Hoffman, Jerry Livingston, Don Raye, Oliver Wallace

 

Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, conosciuto forse di più con il titolo abbreviato di Alice nel paese delle Meraviglie, è uno dei tanti indimenticabili film Disney, sicuramente il più eccentrico che potesse mai essere pensato negli anni ’50, e per questo chiaramente il fiore all’occhiello della grande società di produzione cinematografica americana.

La folle storia, che vede protagonista una bambina bionda Alice, catapultarsi in un mondo fatto al contrario e senza alcuna logica, è in realtà un opera letteraria, pubblicata per la prima volta il 4 luglio 1865, e scritta dal matematico e scrittore inglese Reverendo Charles Lutwidge Dodgson, più noto al grande pubblico con lo pseudonimo di Lewis Carroll.

Il racconto originario è la trasposizione allusiva di avvenimenti e personaggi propri dell'epoca in cui viveva Dodgson, che con quest’ opera intendeva probabilmente fornire ai suoi lettori un’interpretazione originale e divertente di tutto ciò che li circondava, prendendosi gioco in questa stramba ricostruzione, di ogni tipo di regola anche linguistica. Il libro ebbe anche un seguito (Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò), ma non ottenne la fama del primo volume, che venne tradotto in moltissime lingue e fu oggetto di numerosi adattamenti teatrali e cinematografici, tra cui proprio l’indimenticabile cartone Disney.

Walt Disney aveva provato già prima degli anni ’50 a realizzare un film sulla bellissima storia di Lewis Carroll, ma lo scoppio della seconda guerra mondiale aveva frenato la realizzazione del progetto. Se da una parte questo aveva significato per Disney, anni e anni di attesa e lavoro estenuante, dall’altra il passare di così tanto tempo, gli aveva permesso di riflettere in maniera più accurata sulle modalità di realizzazione del suo film. Finita la guerra infatti, Disney in un primo momento aveva pensato di fare un misto di film d'animazione e attori reali, ma alla fine aveva optato per un film completamente a cartone animato. Accanto a lui erano stati chiamati a lavorare esperti disegnatori, ed anche Oliver Fallace e Frank Churchill per la composizione di alcune canzoni. Il risultato di tanto impegno era stata la creazione di un classico destinato a far sognare nel tempo intere generazioni.

La storia di Alice Liddel, prende il via il 4 maggio, giorno del suo compleanno, quando in una normale e noiosa giornata primaverile la bambina vede improvvisamente passarle davanti agli occhi, un Coniglio Bianco col panciotto che borbotta fra sé "è tardi, è tardi!" e decide seguirlo nella sua tana.

Da quel momento ogni contatto con la realtà si perde, Alice cade in un mondo onirico, fantastico costruito su assurdità e sregolatezze. Nella sua corsa dietro al Coniglio Bianco, incontra fiori parlanti, un gatto che diventa invisibile lo “stregatto”, un cappellaio matto fissato con l’ora del tè, un “brucaliffo” che gioca con il fumo della pipa, una regina di cuori che ama tagliere le teste e giocare a croquet, una sorta di golf (che non è cricket) usando come mazza il collo di un uccello e come pallina un povero riccio indifeso.

E non è tutto, mangiando degli strani funghi Alice cresce a dismisura rimanendo intrappolata proprio nella casa del coniglio, e poi si ritrova piccola piccola tanto da passare nel buco di una serratura. Insomma ne vede veramente di tutti i colori, prima di poter tornare nel suo mondo a chiedersi se tutto ciò che ha vissuto è accaduto per davvero. Appena il film uscì nelle sale, proprio nel 1951, il successo sembrava una meta lontana; troppe erano state le critiche e grande il fallimento al botteghino.

Come accadde spesso per altri grandi lavori Disney, anche Alice nel paese delle meraviglie non fu capito ed apprezzato immediatamente, ma non cadde mai nel dimenticatoio, anzi il tempo così come succede per il buon vino, lo rese un prodotto migliore, tanto che fu il primo film Disney ad essere mandato in onda in televisione.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo