FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

LA MARCIA DEI PINGUINI

Anno: 2005

Nazione: Stati Uniti / Francia

Distribuzione: Lucky Red

Regia: Luc Jacquet

Genere: documentario

 

Ha incassato più di 26 milioni di dollari negli Stati Uniti, ed è stato un successo dell’anno anche qui da noi, ma in questo film non ci sono stati effetti speciali e volti di Hollywood ad attendere il pubblico nella sfida al botteghino, bensì dondolanti, goffi e teneri pinguini.

Fin qui non ci sarebbe nulla di cui stupirsi, in fondo il mercato cinematografico mondiale è da sempre abituato a vedere come protagonisti indiscussi dello schermo, gli abitanti del regno animale; dalle avventure disneyane di "4 bassotti ed un danese" fino alla rocambolesca vita in fondo al mare di "shark tale" prodotto dalla DreamWorks, negli anni cani, gatti, leoni, e pesciolini si sono succeduti nell’olimpo delle celebrità, sia che fossero concreti essere viventi, sia che fossero frutto di una brillante fantasia e della più avanzata tecnologia in digitale.

La marcia dei pinguini", film sorpresa dell’anno e successo in tutti e cinque i continenti, offre però, rispetto agli altri colossal made in U.S.A. che l’anno preceduto, una serie di novità davvero insolite.

Puntando sulla forza realistica del documentario stile vecchia maniera, il regista francese Lucques Jacquet, è riuscito a raccontare uno dei momenti più importanti per la vita dei pinguini, contando solo sulla solidarietà e sul senso del dovere che questi splendidi animali dimostrano nel loro vero e concreto habitat naturale. I mammiferi ripresi da Jacquet nella faticosa e difficile marcia che intraprendono tra i ghiacci dell’Antartide alla ricerca del partner con il quale accoppiarsi, non hanno il talento comico dei pinguini ammutinati di Madagascar, ma dimostrano una forza di volontà che scandisce gli eroismi quotidiani, di una comunità dedita al sacrificio collettivo pur di raggiungere il proprio scopo.

La migrazione stagionale viene seguita come fosse un’Odissea verso la speranza e la salvezza, un percorso in cui è possibile trovare stupore e bellezza nel consolidamento degli equilibri del rapporto padre - figlio.

L’intenzione è quella di filmare il grande spettacolo della natura nei luoghi ancora non contaminati dalla presenza dell’uomo, rispettando e difendendo gli equilibri del mondo animale, e lasciando che per una volta non sia il regista a scrivere la trama, ma siano i protagonisti stessi con l’espressione dei loro occhi e dei loro movimenti ad interpretare il tutto.

Centinaia di pinguini in fila indiana per settimane che si avvinghiano l'uno all'altro per proteggersi dal freddo della lunga notte e che poi proteggono a loro volta con grazia e con amore i piccoli, sono quindi la chiave del successo per il reality da grande schermo; l’inizio di un nuovo genere che sta già dando i suoi frutti.

Sulla scia del documentario di Lucques Jacquet infatti, la Dreamworks ha già pensato di lanciare sul mercato un dvd contenente un’edizione speciale sui pinguini protagonisti di Madagascar, mentre la Warner Brothers, che ha acquisito assieme con il National Geographic i diritti per «La Marcia» ha in fase di pre-produzione un altro film dedicato ai pinguini, «Happy Feet», dove il protagonista sarà un pinguino che non può cantare e che per riconoscere il suo compagno deve fare ricorso al tap-dancing.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo