FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

DRAGONFLY

IL VOLO DELLA LIBELLULA

Anno: 2002

Genere: Thriller

Nazione: Usa

Produzione: NDE Production, Shady Acres Entertainment, Universal Pictures

Distribuzione: Buena Vista

Durata: 104’

Regia: Tom Shadyac

Sceneggiatura: David Seltzer, Brandon Camp, Mike Thompson

Fotografia: Dean Samler

Musiche: Jhon Debney

Cast: Kevin Costner, Joe Morton, Ron Rifkin, Linda Hunt, Susanna Thompson, Jacob Vargas, Kathy Bates

 

Joe e Emily Darrow sono una coppia felicemente sposata ed entrambi sono medici. Lei è in attesa di un figlio, e perde la vita durante una missione umanitaria in Amazzonia.

Il dottor Darrow dopo la morte di sua moglie crede di ricevere da lei dei messaggi ultraterreni, e questa sua convinzione lo porterà ad un deprimente isolamento, condizionando anche i suoi rapporti sociali e lavorativi, che sono alternati ai diversi contatti che Joe avrà con i bambini del reparto oncologico, precedentemente curati dalla moglie defunta.

Questi affermeranno di aver incontrato Emily nelle loro esperienze di pre-morte. Tutto ciò contrasta con il pragmatismo del dott. Darrow che a questo punto vedrà vacillare le sue convinzioni, avvicinandosi all’idea che esista una vita ultraterrena dopo la morte.

Dragonfly prosegue il sentiero, nella storia del cinema, della continua ricerca e conferma di un mondo ultraterreno, raccontando con eleganza e gentilezza la vita di un uomo ossessionato dalla morte della moglie.

Probabilmente il canovaccio del film è un po’ posticcio infarcito di luoghi comuni sul post-mortem, quali tunnel, luci, arcobaleni, fantasmi apparizioni improvvise che danno quel tocco di adrenalina, indispensabile per un genere come questo. I concetti espressi nei dialoghi sono sempre gli stessi, quindi un po’ ripetitiva la sceneggiatura del film.

Bisogna riconoscere una certa eleganza e cura estetica e diligenti movimenti di macchina; ha una buona fotografia e particolare cura negli effetti speciali.

Tutto sommato il finale inaspettato salva il film dalla prevedibilità e banalità che si presagiva all’inizio.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo