FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

 

LOURDES

REGIA E SCENEGGIATURA: Jessica Hausner;

FOTOGRAFIA: Martin Gschlacht;

Durata: 96 min;

ANNO: 2009

PAESE DI REALIZZAZIONE: Francia/Austria;

DISTRIBUITO DA: Cinecitta' Luce (2010);

ATTORI PRINCIPALI/PERSONAGGI: Sylvie Testud/Christine; Léa Seydoux/Maria; Bruno Todeschini/Kuno; Elina Löwensohn/Cécile; Gerhard Liebmann/Padre Nigl.

Il film Lourdes è un’opera del 2009 scritta e diretta da una autrice austriaca, Jessica Hausner. Nell’opera si cerca di narrare in una maniera più obiettiva possibile gli eventi che avvengono in un luogo particolare come il Santuario della Madonna del Lourdes.

La storia della pellicola parla di Christine, una ragazza che ha trascorso moltissimi anni costretta su una sedia a rotelle. Tra le possibilità che le offre la sua situazione, che non la rende felice, la donna prova ad andare la Santuario del Lourdes, con la speranza di incontrare, se non una nuova ragione per esistere, almeno delle persone con le sue stesse difficoltà se non peggiori in grado di comprenderla. La vita da portatrice di handicap è causa per Christine di invidia nei confronti dei “normali”.

Una volta nel luogo sacro, Christine, seguendo il normale itinerario dei tantissimi pellegrini presenti sul posto, sembra essere guarita e non aver più bisogno della sedia a rotelle. La piccola comunità di accompagnatrici dell’ordine di Malta, malati, semplici fedeli in cerca di una cura per l’anima e sacerdoti sembra spiazzata dall’evento.

La nuova opportunità di vita che la visita al Lourdes offre alla donna la porta a dover subire l’invidia degli altri pellegrini, sicuramente un dazio minimo da pagare alla luce dell’importanza della chance di un nuovo inizio.

L’invidia di molti è causata soprattutto dal fatto che Christine appare, tra il gruppo di malati recatisi al Lourdes, quella con una fede meno salda.

Il film è quasi un documentario delle numerose visite che i molti malati, accompagnati dai volontari, effettuano in questo luogo di culto immerso sui Pirenei.

Questa vicinanza al documentario permette che all’interno della pellicola convivano, senza mai stridere tra loro, sentimenti ed atteggiamenti differenti, se non agli antipodi come ad esempio fede e laicità, razionalismo e misticismo.

Personaggio – emblema di questa particolare convivenza è sicuramente la donna anziana, la signora Hartl che compare ogni momento in cui la volontaria Maria,a cui erano state affidate le cure di Christine, si dimentica del proprio ruolo ed abbandona la donna sola.

L’anziana si è recata al Lourdes non per curare una malattia fisica, ma per colmare un vuoto all’interno della sua anima. L’opportunità di dedicarsi a Christine, sembra riuscire a ricucire lo strappo creatasi nella sua anima.

Che cosa può rappresentare questo personaggio? Un segno della benevolenza divina nei confronti della protagonista oppure un personaggio rappresentante il gesto più grande della natura umana, l’amore disinteressato?

A maggiore dimostrazione di questo incredibile connubio che il film “Lourdes” rappresenta ricordiamo che la pellicola ha ottenuto il premio “Signis” da parte dell’Organizzazione cattolica internazionale del cinema ed il suo contraltare, il “Brain” dell’Unione atei e agnostici razionalisti, per una visione non offuscata della realtà dei malati.

Inoltre le riprese della pellicola sono stati realmente effettuati al Lourdes, avendo la Hausner ottenuto i permessi dai responsabili del santuario.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo