FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

GLI ARISTOGATTI

Titolo originale: The Aristocats

Paese: Stati Uniti

Anno: 1970

Genere: animazione

Regia: Wolfgang Reitherman

Soggetto: Tom McGowan

Produzione:  Walt Disney Picture

Montaggio: Tom Acosta

Musiche: F.lli Sherman

 

Walt Disney aveva sempre voluto curare personalmente i suoi capolavori cinematografici e grande era stato per lui l’amore verso il genere d’animazione, che più di una volta l’aveva portato ad accettare sfide professionali per altri improponibili.  Quando morì nel 1966, la casa di produzione da lui fondata decise di rendergli omaggio realizzando un nuovo cartone animato che seguisse le orme dei precedenti lavori disneyani, ma che rappresentasse anche la base di partenza per un nuovo inizio.

Il 24 Dicembre 1970 fu dunque presentato al pubblico cinematografico  "Gli Aristogatti".

Il primo prodotto d’animazione, realizzato interamente senza l'ausilio e la guida del fondatore della factory, racconta la storia di un’allegra famiglia di gatti di Parigi che abita felice in una grande casa assieme all’anziana  e agiata proprietaria.

La dolce vecchietta, proprio perché cosciente della sua avanzata età, decide di fare testamento, lasciando ogni suo bene ai suoi amatissimi gatti ed in successione, alla morte di quest'ultimi, al maggiordomo Edgar. Venuto a conoscenza dei propositi della sua padrona, il maggiordomo decide di sbarazzarsi dei gatti portandoli nella campagna circostante. Così durante una notte buia e tempestosa, Duchessa (questo il nome di mamma gatta), ed i suoi 3 piccolini: Minou, adorabile micetta; Matisse, gattino estroso ed incline alla nascente pittura espressionista; Bizette grande appassionato di musica; vengono abbandonati sotto ad un ponte. Sembra impossibile per loro, abituati sempre a stare protetti nel calduccio della loro casa, tornare indietro, ma come dalle più buone tradizioni disneyane, a far tornare la speranza ci pensa  un grosso gatto marrone di nome Romeo che accompagnerà l’allegra famigliola in un viaggio di ritorno dalle mille avventure, e con un finale, neanche a dirlo, davvero lieto.

Qualcuno ritiene che la storia degli aristogatti, sia ispirata ad un fatto realmente accaduto all'inizio del 1900, ma anche se così no fosse, la favola di questi gattini rimane comunque degna della migliore tradizione disneyana.

Lo stile grafico appare asciutto e senza picchi tecnici, non richiede quindi uno sfoggio particolarmente grande di tecnologia, non manca comunque di forza e genialità, ottenuta con la simpatia dei personaggi e le musiche orecchiabili di un inconfondibile jazz.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo