FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

Il Codice da Vinci

Anno: 2006

Nazione: U.S.A.

Regia: Ron Howard

Distribuzione: Sony

Cast: Audrey Tautou, Ian McKellen, Paul Bettany, Tom Hanks, Etienne Chicot, Jean Reno, Alfred Molina.

 

Il film, diretto da Ron Howard ed interpretato da Tom Hanks, Audrey Tautou e Jean Reno è un thriller ben riuscito con un’insistente ricerca di aderenza al testo del romanzo (dall’identico titolo) dal quale è tratto.

Il Codice da Vinci, cornice impeccabile di un giallo perfetto, focalizza l'attenzione verso la storia, i personaggi, la trama, e tutti quei concetti che appesantiscono il filo narrativo della versione originale scritta, quali il Santo Graal, il Priorato di Sion, i Templari.

Il film di Howard punta sul montaggio rapido, la musica frenetica, le scene d'azione ben congeniate negli incastri architettonici di Parigi, pagando il prezzo del rallentamento davanti alle complesse spiegazioni storiche sul romanzo trattando in modo approssimativo e superficiale aneddoti invece molto interessanti. Si possono citare, a questo proposito, la storia del monaco Silas, il suo incontro con il vescovo Aringarosa, agli accordi tra il Vaticano e l'Opus Dei, il terribile segreto che Sophie scopre a proposito del nonno. Chi ha letto il libro mentre vede le scene del film, cerca di sfogliare frettolosamente nella propria mente le pagine del romanzo per riuscire a completarne il quadro, aggiungendo alle immagini le sensazioni che solo il libro può suscitare. Per quanti invece il romanzo non l'hanno letto, questi passaggi risultano poco chiari, e mettono a dura prova l'attenzione dello spettatore, minando in questo modo il coinvolgimento che un film come questo dovrebbe avere.

Il Codice da Vinci rimane comunque un mix perfetto di fantasia, storia e avventura, e se il romanzo di Brown è riuscito comunque a sedurre milioni di lettori raccontando il più grande e presunto insabbiamento della storia, il film è perfetto per aiutarci a ragionare sul genio di Leonardo, facendoci quasi toccare con mano tutte le sue creazioni. Leggendo il Codice da Vinci, più volte si è stati colti dal desiderio di andare a ricercare i quadri e le invenzioni di Leonardo. Il film in questo è straordinario perché raccontando la storia, ci aiuta anche ad interpretarne anche i codici. È un climax vertiginoso, che parte dall'uomo Vitruviano, e attraversando la sequenza di Fibonacci ed i segni del Graal, trova il culmine nella spiegazione dell'Ultima Cena, che grazie a Sir Teabing (Ian McKellen), viene minuziosamente analizzata e svelata in ogni tratto.

In conclusione, un film che vale la pena di essere visto, in quanto ben recitato, aderente al testo originale e che scorre piacevolmente veloce lasciando allo spettatore la voglia di fare qualche verifica e approfondimento personale.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo