FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

BLACK HAWK DOWN - BLACK HAWK ABBATTUTO

Anno: 2001

Nazione: Stati Uniti d'America

Distribuzione: Columbia

Produzione: Ridley Scott e Jerry Bruckheimer

Durata: 144'

Regia: Ridley Scott

Sceneggiatura: Ken Nolan

Fotografia: Slawomir Idziak

Montaggio: Pietro Scalia

Musiche: Hans Zimmer

Cast: Ewan McGregor, Josh Hartnett, Eric Bana, Tom Sizemore, Sam Shepard, Jason Isaacs

Somalia 1992. La guerra civile ha già causato più di 300.000 vittime. I "signori della guerra" controllano la capitale Mogadishu. Stati Uniti e Nazioni Unite inviano le loro truppe in missione di pace. Nel giugno del 1993, Mohamed Farrah Aidid, il più potente tra i signori della guerra, prende in ostaggio 24 soldati pakistani e personale americano; nel mese di agosto truppe scelte dell'esercito americano vengono inviate a Mogadishu per ristabilire l'ordine; ma la situazione è molto complicata, Aidid gode dell'aiuto di molti sostenitori ed ha milizie ben armate pronte a tutto. Il 3 ottobre dello stesso anno uomini della Delta Force e dei Rangers effettuano un'incursione nel mercato di Bakara per catturare due esponenti di spicco del clan di Aidid: quella che doveva essere una missione di trenta minuti si trasformerà in un'agonia lunga quindici ore.

Black hawk down colpisce per la forza dei codici espressivi e dei contenuti: la macchina da presa ci invita a vedere e partecipare attivamente attraverso l'uso delle mezze figure, dei primi piani e dei dettagli; l'angolazione, la prospettiva e la plasticità delle immagini offrono una precisa disposizione degli eventi e dei luoghi; la mobilità delle inquadrature permette subito di avvicinarsi alla realtà della guerra e del dolore; il suono e i rumori amplificano la drammaticità degli eventi.

I soldati americani non sono presentati come eroi privi di sentimenti e pronti solo a schiacciare il nemico; hanno una dimensione più umana, sono professionisti che disegnano fumetti per i figli, si interessano di letteratura, sono pronti a salvare i compagni anche a costo della vita. Sarà proprio questo forte cameratismo a portarli in una assurda situazione: quando il primo black hawk viene abbattuto l'ordine è quello di recuperare i feriti e i caduti. Da qui in poi il film sviluppa tre livelli di narrazione: quelli che combattono hanno solo il desiderio di conservare il loro potere, quelli che dovevano creare una nuova situazione sono costretti a difendere la propria vita e quella dei compagni, quelli che decidono guardano la realtà dall'alto e constatano la propria insufficienza. Non c'è nessuna logica nella guerra, nessun vincitore; il figlio uccide il padre in un tragico sbaglio, il convoglio americano si ferma di colpo davanti ad un vecchio che trasporta la salma di un bambino, una folla festosa accoglie i soldati che entrano in uno stadio dove non si celebra nessuna vittoria. Davanti alla morte siamo tutti uguali.

A tal proposito sono significative le scene iniziali e finali del film: nella prima la macchina da presa scorre sui feriti e sui cadaveri somali raccolti tra le macerie di quello che doveva essere un ospedale; con uno stacco si passa al luogo dove si svolgerà la vicenda, visto attraverso una finestra distrutta. Nell'ultima i medici americani contano le vittime in un ospedale da campo; uno stacco della mdp ci mostra il portellone di un aereo da trasporto chiudersi verso il buio. Un film ben fatto, non c'è che dire; merito sicuramente dell'ottima regia di Ridley Scott (che è anche il produttore, insieme a Jerry Bruckheimer), dell'ottima sceneggiatura di Ken Nolan, del montaggio dell'italiano Pitro Scalia (4 nomination all'Oscar, 2 vinti con J.F.K e Black Hawk Down. Suo anche il montaggio del film Il Gladiatore), e di un cast d'attori che ha saputo rendere i sentimenti dei personaggi credibili.

Filmografia di RIDLEY SCOTT:

Le Crociate (2005), Il genio della truffa (2003), Hannibal (2001), Blak hawk down (2001), Il gladiatore (2000), Soldato Jane (1997), L'albatross - Oltre la tempesta (1995), 1492 - La scoperta del Paradiso (1992), Thelma & Louise (1991), Black Rain - Pioggia sporca (1989), Chi protegge il testimone (1987), Legend (1985), Blade Runner (1982), Alien - Director's cut (1979), I duellanti (1977)

Sandro Mele

 

 

 

 

 

 

160x600_promo