FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

Pirati dei Caraibi – Ai confini del Mondo

Titolo originale: Pirates of the Caribbean: At World's End

Paese:  USA

Anno:  2007

Durata: 168 minuti

Audio: sonoro

Genere: commedia, avventura, fantasy

Regia:  Gore Verbinski

Soggetto: Ted Elliott, Terry Rossio, Stuart Beattie, Jay Wolpert

Sceneggiatura: Ted Elliott, Terry Rossio

Produttore: Jerry Bruckheimer

Casa di produzione: Walt Disney Pictures

Distribuzione (Italia): Walt Disney Pictures

Interpreti e personaggi:  Johnny Depp (Jack Sparrow);  Orlando Bloom (Will Turner); Keira Knightley (Elizabeth Swann);  Geoffrey Rush (Barbossa); Chow Yun-Fat (Sao Feng);  Jack Davenport (Ammiraglio James Norrington);  Keith Richards (Teague Sparrow);  Jonathan Pryce (Governatore Weatherby Swann); Lee Arenberg (Pintel);  Mackenzie Crook (Ragetti);  Naomie Harris (Tia Dalma);  Bill Nighy (Davy Jones);  Stellan Skarsgard ("Sputafuoco" Bill Turner);  Kevin McNally (Gibbs);  Martin Klebba (Marty);  David Bailie (Cotton);  Tom Hollander (Lord Cutler Beckett);  Marcel Iures (Capitan Chevalle).

Fotografia: Dariusz Wolski

Montaggio: Stephen E. Rivkin, Craig Wood

Effetti speciali: Industrial Light & Magic

Musiche: Hans Zimmer

Scenografia: John Dexter

Costumi: Penny Rose

 

Trama:

Will Turner, Elisabeth Swann e Capitan Barbossa (riportato in vita dalla sacerdotessa Tia Dalma) si alleano per intraprendere un viaggio fino ai confini del mondo per liberare capitan Jack Sparrow inghiottito dal Kraken nelle profondità marine insieme alla Perla Nera.

Il compito non sarà facile perché per prima cosa dovranno appropriarsi delle Mappe dei Confini del Mondo appartenenti al pirata Sao Feng e inoltre dovranno preoccuparsi della minaccia rappresentata da  Lord Cutler Beckett che ha promesso di eliminare tutta la pirateria presente nell'oceano.

Essenziale sarebbe l'aiuto di Jack Sparrow che si trova nello scrigno di Davy Jones sospeso tra la dimensione dei vivi e quella dei morti cercando di non impazzire mentre lo stesso Davy, padrone dello scrigno, sta architettando la sua vendetta nei confronti del capitano della Perla Nera, Jack Sparrow!

 

Recensione:

Il film è il terzo episodio della saga che racconta le fantastiche avventure di Jack Sparrow e compagnia; la pellicola è uscita nelle sale italiane il 23 maggio 2007 e  negli USA il 24 maggio dello stesso anno.

Il regista di tutte e tre i film è sempre  Gore Verbinski; la pellicola non sarà l'ultima  della serie perché la Disney ha fatto sapere che il progetto per una nuova trilogia è stato avviato.

Molti sono gli attori in questa pellicola, a partire dai veterani Orlando Bloom, Johnny Depp e  Keira Knightley per giungere alle new entry come  Chow Yun-Fat.

Però chi vitalizza e rende frizzante il film è sempre uno degli attori più bravi e poliedrici di questi ultimi anni ovvero Johnny Depp che con l'andamento calmo e quell'aria un po' da rimbambito che caratterizza il suo personaggio, Jack Sparrow invade la scena.

Le battute alla Jack sono ormai diventate un'inimitabile marchio di fabbrica di una figura istrionica che rappresenta il vero aspetto del mondo dei pirati e cioè un' universo caratterizzato da imprese epiche e leggendarie impersonate da eroi che il più delle volte sono i primi a non prendersi  troppo sul serio (vedi Jack, Barbossa, Will ed Elizabeth).

Chi si immagina un mondo fatto di uomini senza paura e pronti a gettarsi in prima linea nelle battaglie, vedendo le gesta di Jack dovrà ricredersi!

Se c'è  uno che manda avanti gli altri e può fare a meno di combattere quello è lui anche se al momento in cui viene chiamato in causa non si tira indietro (a volte solo perché è costretto dalle situazioni!).

Ben apprezzata anche la figura della sua antitesi e cioè Davy Jones che non ha più un cuore nel corpo; la sua forma non umana risulta molto suggestiva e nello stesso tempo affascinante.

Dopo i titoli di coda, c'è una scena in cui sono passati i fatidici dieci anni e finalmente Will può rivedere la sua amata Elisabeth; mentre si avvicina a bordo dell'Olandese Volante, Will intravede Elisabeth  insieme al frutto della loro unione (suo figlio) che non ha mai conosciuto, che corre lungo la scogliera. 

Come nel primo film, sia Pintel che Ragetti salutano Elisabeth Swann con l'espressione “Ciao, bambolina”.

Sembra che la fuga con l'ausilio delle tartarughe marine (utilizzate sia da Jack che da Will) sia una costante della saga infatti anche Capitan Teague (padre di Jack Sparrow) ammette di essersi salvato dall'isola di Pelegostos,  grazie all'aiuto di questi animali.

Anche nel terzo film è presente il cane della prima e seconda pellicola che qui porta le chiavi del codice della fratellanza.

Il libro del “Codice delle Fratellanza” mostrato da Capitan Teague  era già stato citato da Elizabeth nel primo film prima del rapimento da parte da Pintel e Ragetti.

Nel film si vedono anche le donne Scarlett e Gisele che anche qui mollano un ceffone a Jack che questa volta lo sferrerà a Gibbs.

Anche in questo film fanno la loro comparsa i due soldati inglesi e imbranati che consentirono la fuga a Jack Sparrow nel primo film.

Nel secondo film, la maga Tia Dalma aveva predetto che il destino di Will sarebbe stato importante infatti egli sarebbe diventato il nuovo capitano dell'Olandese Volante.

Finalmente si capisce la ragione che spinge Ragetti a preservare il proprio occhio di legno; esso infatti gli è stato affidato da Capitan Barbossa  perché sarebbe stato l'elemento chiave per sprigionare l'essenza divina di Calypso dalla sua forma umana.

Le risatine profuse dalle due ragazze incaricate di controllare il vapore in cui è immerso Sao Feng, sono dovute al fatto che sicuramente Jack Sparrow abbia avuto dei flirt con tutte e due;  è anche per questo che lo stesso Feng è adirato con capitan Jack.

L' Industrial Light & Magic  ha curato gli effetti speciali del film; un furto degli abiti (successivamente ritrovati) di scena rallentarono le riprese del seconde e del terzo film.

La dichiarazione di Keith Richards che affermava di aver “sniffato” anche le ceneri del padre indusse la produzione della Disney a estrometterlo dal trailer del film; affermazione (che aveva divertito il pubblico) però ritrattata dallo stesso Richards.

Il combattimento finale tra L'Olandese Volante e la Perla Nera ha richiesto uno sforzo molto massiccio con  il lavoro congiunto di circa 600 addetti per l'allestimento del set e la bellezza di tre mesi di riprese.

Tali riprese sono state effettuate per mezzo della tecnologia Blue Screen coadiuvata dalla presenza di un'imponente fabbrica di Boeing ubicata a Los Angeles; invece le location che fanno da sfondo alla battaglia (mare, maelstrom e tempesta) sono riprodotti virtualmente dal computer e uniti successivamente.

Le riprese di “Ai confini del mondo”, effettuate in contemporanea con quelle de “La maledizione del forziere fantasma”, si sono svolte nei dintorni delle Bahamas.

Il terzo capitolo è anche il più costoso poiché ha richiesto la bellezza di  300.000.000 $ di budget.

Visto il successo del secondo capitolo, l'uscita del terzo in Italia fu anticipato al 23 maggio 2007 invece del 6 luglio 2007.

L'anteprima del film si è svolta  il 19 maggio 2007 a Disneyland in Florida come era avvenuto per le due  precedenti pellicole; invece il  23 maggio 2007  la regia e il cast hanno presenziato al Disneyland di Tokio per festeggiare la pellicola.

Questa volta il titolo del film si è mantenuto  uguale a quello originale a differenza dei precedenti due che non prevedevano “Pirati dei Caraibi” (Pirates of Caribbian) nel titolo.

Youtube  ha subito la censura da parte della Disney per aver messo in rete, all'epoca, il filmato finale che si poteva vedere dopo i titoli di coda che però non veniva mostrato in tutte le copie  distribuite nei cinema.

Il giorno della diffusione nei cinema della pellicola è stato anche l'inizio della distribuzione del videogioco sul mercato per le varie piattaforme ( PC, PS3, PS2, PSP, Xbox 360, Nintendo Wii e Nintendo DS).

L'incasso internazionale del film è stato di circa  961.000.000 $, ottenendo il 1° posto nella classifica delle pellicole più viste nell'anno 2007; della saga dei “Pirati dei Caraibi” risulta secondo solo al primo capitolo “La maledizione della Prima Luna”.

La distribuzione in DVD in America è avvenuta il 4 dicembre 2007 mentre in Italia è stato immesso sul mercato il 21 novembre dello stesso anno; sia in Italia che negli Stai uniti il DVD è uscito sia in edizione a singolo disco che in edizione a doppio disco (contenente più di 5 ore di extra).

Il film è uscito anche in edizione Blue Ray.

“Ai confini del mondo” ha subito una censura di circa 10 minuti all'inizio del film; ad esempio “Benvenuti a Singapore” detto da Yun-Fat non rappresenterebbe in pieno la cultura cinese e inoltre la Singapore di quel tempo non era la stessa infestata dai pirati descritta visivamente nel film.

Sao Feng si accorge dell'introduzione di una spia nella sacra sauna perché un finto tatuaggio sulla spalla dell'intruso si dissolve a contatto col vapore; chi entrava nella sauna doveva sfoggiare solo tatuaggi sacri.

Il motivo canticchiato dai pirati condannati a morte, “Hoist the Colours” (“Issa la bandiera”) narra le vicende incentrate sulla dea Calypso.

 

Premi:

MTV Movie Awards 2008: miglior performance comica (Johnny Depp)

 

 

 

 

 

 

160x600_promo