FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

VIA COL VENTO

anno: 1939.

nazione: U.S.A.

regia: Victor Fleming.

cast: Clark Gable, Vivien Leigh (Rossella O' Hara, Leslie Howard, Alicia Rhett  (Lydia Wilkes), Barbara O'Neil  (Elena O'Hara), Butterfly McQueen  (Prissy), Cammie King (piccola Diletta), Carrol Nye (Franco Kennedy), Fred Crane  (Brent Tarleton).

 

Tratto dal best-long-seller (1936) di Margaret Mitchell (più di 60 milioni di copie vendute), ebbe 8 Oscar più due "speciali": film, regia, sceneggiatura (Sidney Howard, postumo, e altri), fotografia (Ernest Haller, Ray Rennahan), attrice protagonista (V. Leigh), attrice non protagonista (H. McDaniel, il primo premio ad un'attrice nera), montaggio (Hal G. Kern, James E. Newcom) più un premio speciale a W. Cameron Menzies

La storia è ambientata nel Sud degli Stati Uniti, in  Georgia, 1861. All'alba della guerra di Secessione  la giovane, avvenente e viziata Rossella O' Hara (Vivien Leigh), figlia di un ricco latifondista sudista, vive nella convinzione di essere  innamorata di Ashley (Leslie Howard), altro rampollo dell’ società Georgiana tanto. Questi però pur attratto, rifiuta le avances di Rosella  e preferisce sposare la più composta Melania (Olivia de Havilland), sua cugina. Nel frattempo, Rhett Butler (Clark Gable), un  avventuriero aitante ed impulsivo, s'innamora di Rossella, attratto dalla sua ostinata caparbietà. intanto  Scoppia la guerra di secessione. Ashley va alle armi, Rossella e Melania scappano ad Atlanta, ma  quando la città viene data alle fiamme, riparano di nuovo verso casa. Giunta a Tara, la tenuta di famiglia, Rossella scopre che la guerra ha devastato tutto ciò che aveva, trovando solo povertà e distruzione: gli schiavi sono fuggiti, la madre e' morta, il padre  è impazzito e i beni di famiglia sono stati espropriati dai nordisti. Disposta a tutto pur di riavere la sua vecchia vita, Rossella diviene un'abile imprenditrice e per fare ciò sposerà due uomini che non ama, e da cui resterà due volte vedova. In compenso continuerà a rifiutare le proposte di matrimonio di Butler e quando finalmente dice si, si  sente ancora innamorata di Ashley, il cui ricordo inquina il suo rapporto con Butle.

Quando la dolce Melania muore Ashley sarebbe libero di unirsi a  Rossella. Qui il colpo di scena: quando l’atavica passione  potrebbe essere vissuta, Rossella capirà che Ashley e' stato solo un infatuazione momentanea e che il suo cuore e' in verità legato a Rhett, suo marito. Ma questi, il cui amore continuamente messo alla prova è scemato, e' stanco del rapporto coniugale, che gli ha portato solo tristezza e gelosia, e la lascia, fuggendo in una  notte d’inverno... Pur addolorata, Rossella e' decisa ancora una volta a ricominciare.

Girato in technicolor Strutturato su un solido impianto cronologico che accompagna lo spettatore durante tutta la Guerra da Secessione, questo grandioso melodramma fu concepito dalla grande visione del suo produttore R. Selzink, il quale curò in maniera maniacale ogni singolo dettaglio, tanto da licenziare ben 10 sceneggiatori e scegliere la protagonista del film (Rosella O' Hara) dopo l’audizione di 3000 aspiranti. Per l’epoca costò una cifra astronomica, circa 4 milioni di dollari, ma ne guadagnò molto di più solo nel primo anno di distribuzione È  il film che ha generato al più alto numero di libri sulla sua lavorazione. Si conta che sia stato visto almeno una volta dal 90% degli statunitensi.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo