FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

RED DRAGON

Anno: 2002

Nazione: Stati Uniti d’America

Produzione: Universal Pictures e Dino De Laurentiis

Distribuizione: UIP

Durata: 125’

Regia: Brett Ratner

Sceneggiatura: Ted Tally

Fotografia: Dante Spinotti

Montaggio: Mark Helfrich

Musiche: Danny Elfman

Scenografia: Kristi Zea

Cast:  Anthony Hopkins, Edward Norton, Emily Watson, Ralph Fiennes, Harvey Keitel, Anthony Heald, Philip Seymour Hoffman, Mary-Louise Parker

 

Non è stata sicuramente facile l’impresa di replicare il successo del primo film su Hannibal Lecter, ma il giovane regista americano Brett Ratner (Miami 1970) ha saputo costruire un buon thriller con una precisa caratterizzazione dei personaggi e una resa fedele degli schemi del genere cinematografico. Red Dragon è l’ultimo episodio della trilogia dedicata al terribile dottor Lecter, tratto dall’omonimo romanzo di Ted Harris del 1981 (suoi anche “Il Silenzio degli Innocenti” e “Hannibal”); il film incrocia i destini di uno psichiatra trasformatosi in un sofisticato assassino (Hannibal Lecter), di un investigatore dell’FBI (William Graham) e del serial killer Dolarhyde, soprannominato Tooth Fairy (la fatina del dente).

L’agente Graham vive appartato con la famiglia in una casa sul mare, gioca con il figlio e si dedica a vecchie barche; è stato lui a catturare Lecter mentre era sotto le sue cure psichiatriche e cercava di far luce proprio sugli omicidi di cui il dottore era il responsabile. Il tempo passa, i segni di quella terribile scoperta rimangono sul corpo e nella mente, e nonostante tutto l’agente decide di svelare il mistero che si nasconde dietro i nuovi delitti di un serial killer che uccide a morsi le sue vittime nelle notti di luna piena; ma c’è solo un modo perché questo avvenga: ricorrere alla consulenza del vecchio Hannibal! Come gia aveva fatto Jodie Foster nel Silenzio degli Innocenti.

Gli schemi dell’horror, del poliziesco, del dramma psicanalitico e del trhiller si mescolano in Red Dragon; il film non ha certo lo spessore del Silenzio degli Innocenti, quel senso di ansia e precarietà, quella soffocante claustrofobia, ma è ben fatto (molto meglio di Hannibal!), con effetti di suspence ottenuti attraverso una corretta focalizzazione (con un’alternanza tra quella “zero”dove l’istanza narrante dice di più di quello che sanno i personaggi, quella “interna” dove il narratore dice solo quello che il personaggio sa, e quella “esterna”dove il narratore non fa conoscere i pensieri e i sentimenti del personaggio. In questo sapiente uso consiste, secondo un mostro sacro del cinema, Alfred Hitchcock, la differenza tra sorpresa e suspence; in un’intervista rilasciata a Truffaut diceva: “…Ora veniamo alla suspence.

La bomba è sotto li tavolo, e il pubblico lo sa, probabilmente perché ha visto l’anarchico mentre la stava posando. Il pubblico sa che la bomba esploderà all’una e sa che è l’una meno un quarto perché c’è un orologio nella stanza. Gli verrebbe da dire ai personaggi di non parlare di cose banali, c’è una bomba sotto il tavolo che sta per esplodere da un momento all’altro! In questo caso abbiamo ottenuto quindici minuti di suspence”), una buona fotografia dell’italiano Dante Spinotti (ha lavorato anche in “Insider - Dietro la verità” di Michael Mann, “The family man” dello stesso Ratner, “Pinocchio” di Roberto Benigni), un’ottima sceneggiatura di Ted Tally (premio oscar per quella del Silenzio degli Innocenti), e un cast d’attori di eccezionale livello: perfetto Anthony Hopkins (non ci immaginiamo un altro dottor Lecter!) e molto più curata la sua interpretazione rispetto a quella troppo eccessiva in Hannibal di Ridley Scott, molto bravo Edward Norton, eclettico come sempre Harvey Keitel, notevole Emily Watson nella parte della cieca Reba, discreto Ralph Fiennes nella parte del killer ossessionato da un quadro di William Blake.

Sempre dal romanzo di Harris era già stato tratto l’elegante film di Michael Mann “Manhunter”, prodotto da Dino De Laurentiis così come Il Silenzio degli Innocenti, Hannibal, Red Dragon; e sembra che il produttore e lo scrittore siano in trattativa per dare un seguito alla saga del cannibale con “Il castello di Lecter”, sceneggiato dallo stesso Harris, che racconterà la storia di Hannibal dai 12 ai 25 anni.

Red Dragon è un film sul ruolo voyeuristico dello spettatore davanti ad una realtà che scorre sullo schermo: il serial killer realizza montaggi di filmati e la sua malattia lo porta a una negazione di ciò che vede, a una distruzione del valore borghese della tranquillità familiare; la sua ossessione per lo sguardo lo porta ad un gioco macabro con il corpo e gli occhi delle sue vittime.

L’agente Graham trasforma il suo guardare in un’indagine lucida e accurata. E Hannibal Lecter ci risulta affascinante perché non ha rimorsi, non sa cosa sia una cattiva coscienza, incarna l’antieroe che fa e dice quello che nessuno di noi avrebbe mai il coraggio di dire e fare. L’unica salvezza è la cecità di Reba e l’isolamento di Graham. Ma il male lascia sempre segni indelebili, su noi stessi e sugli altri.

 

Filmografia di BRETT RATNER:

Rush Hour: due mine vaganti 1998; The family man 2000; Colpo grosso drago rosso 2001; Red Dragon 2002; After the sunset 2004

 

 

 

 

 

 

160x600_promo