FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

Le avventure di Peter Pan

Titolo Originale: Peter Pan

Paese: Usa

Anno: 1953

Genere: Animazione

Regia: Clyde Geronimi, Wilfred Jackson, Hamilton Luske

Soggetto: James Matthew Barrie (Opera Teatrale)

Sceneggiatura: Milt Banta, William Cottrell, Winston Hibler, Bill Peet, Erdman Penner, Joe Rinaldi, Ted Sears, Ralph Wright

Produzione: USA

Art Director: Ub Iwerks

Animatori: Ward Kimball, Les Clark, Marc Davis, Norm Ferguson, Ollie Johnston, Milt Kahl, Eric Larson, John Lounsbery, Wolfgang Reitherman, Frank Thomas

Montaggio: Donald Halliday

Musiche: Frank Churchill, Sammy Fain, Ted Sears, Oliver Wallace, Jack Lawrence

 

Di Peter Pan negli ultimi anni ne parliamo più per la sindrome che porta il suo nome che non per il personaggio in quanto tale, lo associamo all’immaturità dei giovani d’oggi, perenni bambini anche quando palesemente adulti e ne perdiamo così di vista, il messaggio profondo e meraviglioso che si celava dietro all’incredibile storia  scritta da James Barrie nel 1911.

Eppure se ci fermassimo a riflettere un istante, scopriremmo che Peter Pan, ha ancora tanto da insegnare a tutti noi, perché nel mondo caotico e frenetico che ci circonda, può  essere costruttivo rispolverare le nostre gioie infantili, i nostri sogni e lasciarci  traghettare nella nostra personale “isola che non c’è”, fatta di speranze, desideri, ma soprattutto dolci ricordi.

Amato da Spielberg, che ne ha reso omaggio nel suo Hook, ed entrato a far parte di diritto nell’olimpo dei classici Disney,  Peter Pan, arrivò sugli schermi cinematografici nel 1953, quando Walt Disney decise di regalare al pubblico dei più piccoli, ma soprattutto a quello degli adulti un film che fosse capace di trasmettere un messaggio importante.

Dinsey riteneva indispensabile non mettere mai da parte la fantasia, ed auspicava che i suoi spettatori la alimentassero grazie al suo film, per riscoprire le gioie dell’immaginazione anche nelle piccole cose quotidiane. 

Disney voleva arrivare al senso ultimo della felicità, celebrando il bambino che è in ognuno di noi. Diretto da tre registi, Wilfred Jackson, Hamilton Luske e Clyde Geronimi, Le avventure di Peter Pan, è una versione abbastanza fedele al testo di Barrie, e narra il viaggio meraviglioso ed inaspettato, che nella suggestiva Londra di inizio '900 i tre fratellini Wendy, Gianni e Michele, si trovano ad affrontare accanto a Peter, verso la famigerata Isola che non c’è. Un’isola che si raggiunge seguendo la traiettoria delle stelle, dove vivono le sirene e gli indiani, la principessa Giglio Tigrato e la fatina Trilli Campanellino; dove si può far amicizia con i Bimbi Sperduti e combattere contro i pirati di Capitan Uncino, in duelli scanditi dal tic-tac di orologio inghiottito da un coccodrillo.

Insomma un luogo  dove l'avventura è fuori dallo spazio e dal tempo e dove l'adolescenza vorrebbe non finire mai, come un viaggio da sogno che dura una vita, per tutti i bambini e per coloro che di crescere proprio non hanno voglia.

La storia di Peter Pan, dato il successo che ha ottenuto, ha avuto anche un sequel, Ritorno all’isola che non c’è del 2002, di Donovan Cook e Robin Budd, girato proprio in occasione del centenario dalla prima apparizione di Peter Pan.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo