FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

PER QUALCHE DOLLARO IN PIÙ

Regia:  Sergio Leone

Soggetto e sceneggiatura: Sergio Leone, Luciano Vincenzoni

Musica: Ennio Morricone

Fotografia: Massimo Dallamano

Scenografia e Costumi: Carlo Simi

Durata: 130'

 

“Per qualche dollaro in più” (1965), opera western di Sergio Leone, è il secondo film della cosiddetta trilogia del dollaro. Le altre due opere sono “Per un pugno di dollari, del 1964 e “Il buono, il brutto, il cattivo”, del 1966. L’interprete principale della trilogia è Clint Eastwood.

Il personaggio di Clint Eastwood, il pistolero senza nome, di “per un pugno di dollari”, questa volta ha un soprannome, "Il Monco", questo perché a parte l’impugnare la pistola, che eseguiva con la destra, tutte le altre azioni venivano fatte usando la mano sinistra.

La storia parla del Monco, che è un cacciatore di taglie che attraversa il New Mexico alla ricerca dei criminali della zona con l taglia più alta.

Per catturare un pericoloso bandito appena evaso dal carcere, "El Indio" (Gian Maria Volontè), capo di una grossa banda di "desperados" messicani, il Monco si unisce al colonnello Douglas Mortimer (Lee Van Cleef), anch’esso cacciatore di taglie, che però in realtà vuole vendicare la morte dell'amata sorella, uccisa proprio da l’Indio.

Nel frattempo l'Indio è riuscito a ricongiungersi con la propria banda, e decide di assalire la banca di El Paso, in quel momento ritenuta la più impenetrabile e sicura dello Stato, che al suo interno è possibile trovare ben mezzo milione di dollari in moneta contante.

Il Monco e il Colonnello si ritrovano entrambi a El Paso per seguire le tracce dell’indo.

Il Colonnello, più freddo e razionale del Monco, prepara un piano e decide di far infiltrare il suo socio nella banda dell'Indio il giorno prima della rapina che ha, ovviamente, successo.

La banda, a colpo riuscito, fugge ad est in uno squallido paesino detto Agua Tagliente dove appena calmate le acque la banda si dividerà, l'enorme bottino. L'Indio, durate il periodo di attesa, scopre il Monco e il Colonnello, ma decide semplicemente di farli suoi prigionieri, per poi sfruttarli in caso di problemi con i Rangers.

Prima di fare tutto ciò l'Indio, in combutta col fido el Niño (Mario Brega), decide di far combattere i due cacciatori di taglie contro il resto della banda, nella speranza di riuscire a dividere l'intero bottino solo tra loro due. Grazie alla loro abilità con la pistola, Il Monco e il Colonnello riescono ad eliminare tutti i componenti della banda di banditi.

Douglas Mortimer riesce infine ad arrivare all'agognato duello con l'Indio, grazie all'aiuto del Monco, il quale osserva la lotta con il fucile sul braccio destro e un orologio con carrilon nella mano sinistra. Alla fine il Colonnello Mortimer riesce a vendicare la sorella uccidendo l'Indio. Soddisfatto della sua vendetta, il Colonnello non accetterà un solo dollaro della taglia. I soldi saranno presi tutti dal Monco che dopo aver raccolti tutti i cadaveri, decide di accaparrarsi anche il mezzo milione di dollari rapinato.

È utile sottolineare come in questo film si veda per la prima volta il cosiddetto duello in stile "leoniano" che segnerà per sempre la storia del genere western, si tratta del momento in cui si affrontano Lee Van Cleef e Gian Maria Volontè.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo