FILM E RECENSIONI rubrica di  CORRERENELVERDEONLINE

Film & Recensioni Attori Attrici Registi Festival Cinema Musica Teatro

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Correrenelverdeonline


 

 

I PREDATORI DELL’ARCA PERDUTA

Distribuzione: Paramount Pictures (1981)

Produzione: Lucasfilm LTD.

Durata: 111min

Titolo originale: Raiders of the Lost Ark

Regia: Steven Spielberg

Sceneggiatura: Lawrence Kasdan

Attori principali: Harrison Ford; Karen Allen; Paul Freeman; Denholm Elliott; John Rhys-Davies; Ronald Lacey; Wolf Kahler; Anthony Higgins; Alfred Molina

 

I predatori dell’arca perduta è il primo film che parla di un archeologo –avventuriero, di nome Indiana Jones, che vive negli anni Trenta e gira il mondo alla ricerca di tesori favolosi. Questo personaggio può essere anche definito un uomo dalla doppia vita, impeccabile docente universitario e coraggioso ed imbattibile avventuriero quando serve. E’ una pellicola fortunata, la prima di una tetralogia che incensa la saga di Indiana Jones, come film d’avventura per eccellenza.

La trama di questo film è presto detta:l’anno è il 1936 ed Indiana Jones viene ingaggiato dal governo americano per recuperare la famosissima Arca dell’Alleanza, per essere chiari quella che rappresentava il patto che Dio fece con il popolo ebraico e che scomparve improvvisamente. A tutt’oggi non si sa ancora dove sia.

L’archeologo però dovrà fare in fretta ed avere molta attenzione, perché sulle tracce di questo prezioso manufatto ci sono anche le SS naziste.

Con la collaborazione della figlia di un suo vecchio professore, Indiana riesce, dopo lunghi viaggi ai quattro lati del continente, a strappare il prezioso manufatto dalle grinfie del Reich Tedesco. E’ la famosa lotta del bene contro il male. Lo spettatore accetta di schierarsi accanto ad Indiana Jones, non solo perché è il Bene, ma anche perché è palesemente svantaggiato, creando così un forte legame empatico che spiega parte del successo dell’opera.

Altro punto da sottolineare son le varie citazioni che nel film vengono inserite, a partire da Guerre Stellari, proseguendo per Walt Disney, fino a finire a Mark Twain.

È da sottolineare ancora come il film sia molto realistico, attingendo oltre che dalle leggende, anche da fatti storici appurati, ad esempio esisteva davvero una sezione delle SS che eseguiva ricerche sul paranormale e sull’occulto.

Il film “I predatori dell’arca Perduta” vinse quattro premi oscar  (scenografia, suono, montaggio ed effetti visivi), rilanciando così appieno il genere dell’avventura.

 

 

 

 

 

 

160x600_promo